APERTURA CASTEL VALER

Sabato 21 e Domenica 22 aprile, in occasione della “4 Ville in Fiore” Castel Valer a Tassullo apre le porte ai visitatori. Il pubblico potrà assistere ad un accompagnamento narrato fra corti, giardini, affreschi e avvolti visitando anche la preziosissima cappella privata del maniero, affrescata dai pittori bergamaschi Giovanni e Battista Baschenis nel 1473.

Per info: APT Val di Non – Tel. 0463.830133

Tutte le date di apertura su: visitcastelvaler.it

 

Domenica possibilità di pranzare presso il magazzino SARC di Tassullo

   
Veduta del Castello                      Salone Ulrico                                   Le Madruzziane                               Cappella di S.Valerio

CASTEL VALER
Nelle vicinanze di Tassullo, in posizione panoramica, circondato da colline ricoperte di frutteti, sorge, contraddistinto da eleganza storica, Castel Valer. La sua torre, costruita nel 1180 la più alta del Trenti-no e del Tirolo con i suoi 40 metri d’altezza, caratterizzata dalla pianta ottagonale e costruita in parte di granito importato, primeggia per imponenza e particolarità su tutte le altre torri del Trentino.
LA STORIA
Il nome del maniero deriva con ogni probabilità dal culto per S. Valerio a cui è dedicata la cappella del castello. Le prime notizie della storia di Castel Valer risalgono al 1211, quando, di proprietà dei conti Appiano, fungeva da guardia militare. Passato di proprietà della famiglia Coredo, fu ottenuto nel 1368 dagli Sporo che lo detengono tuttora. Le serie successive di cinte murarie atte a contenere la crescita del perimetro del castello seguono il modello ottagonale imposto dalla torre antica e racchiudono le due serie di edifici dalle quali il complesso è formato: la più antica, risalente al XIV secolo, è denomina-ta Castel di sotto, mentre la seconda, risalente al XVI secolo, Castel di sopra. Nella parte settentrionale del maniero, tra la cortina principale e quella esterna, si trova la cappella di S. Valerio interamente af-frescata nel 1473 dai fratelli Giovanni e Battista Baschenis, pittori itineranti di origine bergamasca. Gli affreschi, di grande vivacità cromatica, rappresentano San Valerio in trono affiancato dai Santi Fabiano e Sebastiano. Il castello è tutt’oggi residenza privata dei conti Spaur.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone